domenica 1 maggio 2011

LA BEATA MENZOGNA

La beata menzogna si è consumata oggi quando Berlusconi dichiara alle agenzie di stampa: "Prima di papa Wojtyla, in Italia ''gli aspetti religiosi si confondevano con gli altri. L'avvento al soglio di Pietro di Papa Wojtyla cambio' questa situazione e ci fu una separazione, da quel momento netta, tra Vaticano, Chiesa Cattolica e Stato Italiano''. 

Dato che, sulle vicende politiche, non vorrei mai essere influenzato dalle mie credenze religiose, sono andato su Wikipedia e ho trovato questo: 
"Giovanni Paolo II fu oggetto di diverse critiche. Tra le principali ricordiamo:
  • Accusa di sostegno a dittature di destra: in particolare diversi osservatori sono rimasti perplessi dai rapporti che il Pontefice instaurò con dittature dell'America Latina e criticano la stretta di mano con Augusto Pinochet e le pressioni effettuate sulle autorità inglesi per bloccarne l'estradizione[56], il silenzio sui Desaparecidos e la proclamazione a cardinale di Pio Laghi, accusato di appoggiare la cosiddetta "guerra sporca"[57] durante gli anni della dittatura argentina.
  • Sessualità: per il ruolo della donna nella Chiesa e nella società, l'opposizione ai rapporti sessuali pre-matrimoniali in generale ed omosessuali in particolare, compreso lo scoraggiare l'uso del preservativo, che può limitare il diffondersi dell'AIDS.
  • Interventismo politico, ateismo e laicità: alcuni osservatori hanno criticato il Papa per la rivendicazione di privilegi ritenuti anacronistici e per aver considerato l'ateismo alla stregua del comunismo.
  • Il teologo cattolico dissidente Hans Küng descrive ben undici contraddizioni che avrebbero segnato negativamente il pontificato di Giovanni Paolo II[58].
  • Giovanni Paolo II è stato anche aspramente criticato per la beatificazione di personaggi controversi come Josemaría Escrivá de Balaguer, fondatore dell'Opus Dei e di Alojzije Stepinac, accusato di aver appoggiato le violenze perpetrate dagli Ustascia croati contro i serbi ed altri oppositori di quel regime filo-nazista[59].

Ora capisco che l'obiettivo di certa politica e di certo clero sia quello di affermare una dittatura di destra, ma da qui a cancellare la festa del 1 Maggio per sostituirla con una full immersion di falsità mi sembra francamente troppo.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...