sabato 14 marzo 2009

PROVERBI EROTICI LOMBARDI


Ecco una serie di "proverbi erotici lombardi" che sottendono e rispecchiano un mondo di persone semplici, la cui semplice saggezza si esercita su problemi come il sesso e la sessualità, i rapporti tra uomo e donna e tra moglie e marito, le funzioni fisiologiche, la morale comune e il contrasto tra essere e apparire. Il dialetto accentua la forza del realismo e del pragmatismo di quella gente tanto acuta quanto sferzante, con le sue affermazioni sempre nette e con le sue dolorose certezze.

 L'amarezza, il sarcasmo ed il cinismo che affiora scopre la profonda delusione degli umili davanti ai più forti sapori dell'esistenza. Nel gioco di parole in cui il proverbio prende forma si racchiude una semplice verità che acquista valore passando dalla tradizione popolare alla storia del costume attraverso il ritmo, la rima o l'assonanza.

  • Bel ciulà quand el tira! (E' bello, è comodo, profittare della fortuna quando è in favore).
  • Chi fa i pètt in del ciulà, l'è mej ch'el vaga a cagà.
  • Quand la figa la scurégia, l'usel el derv l'urégia.
  • Mej mangià una torta in duu, che una merda de per luu. (Si dice di chi preferisce sposare una donna bella anche a costo di doverla poi condividere con altri, piuttosto di una brutta che nessuno invidierà).
  • Dona nana, tutta tana.
  • Da la figa al cuu l'usel el va de per luu, dal cuu a la figa una quei volta el scarliga.
  • Fin ai dés el crèss de pes. Dai dés ai vint, el tira par istint. Dai vint ai trenta, el tira che spaventa. Dai trenta ai quaranta, el tira che l'incanta. Dai quaranta ai sessanta, el tira ma el s'incanta. Dai sessanta in sù, el fa la guardia al bus del cuu.
  • Figa furèsta, el usel el fa fèsta.
  • Curt de vista, lung de batista.
  • Facia smorta, figa forta.
  • Tusa de cagadura, bona ciuladura.
  • I grazi ei fann i sant e i tusann cun giù i mudand.
  • Quand s'è ben mangià e ben bevù, se cerca el bus indovè s'è nasù.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...