sabato 12 giugno 2010

IL VAFFANCULO DELLA SETTIMANA: RENATA POLVERINI

Dopo il primo aborto effettuato con la RU486, il Presidente della Regione Lazio vieta altri ricoveri del genere alla manager della ASL RomaD Giusy Gabriele la quale, pur di non perdere il posto, obbedisce. Intanto il direttore sanitario dell'ospedale Lindo Zarelli dichiara: "Qui non si effettueranno altre interruzioni di gravidanza con trattamento farmacologico. Aspetteremo la lista delle strutture accreditate. Il problema per il Grassi è la carenza di posti letto. Dovendo dedicare per legge una stanza alla paziente che decide di abortire con la Ru486, avremo di fatto due posti letto in meno". Ora si fanno garanti della legge dopo che sono stati eletti in modo truffaldino violando le regole democratiche del nostro Paese. Un bel vaffanculo se lo meriterebbero tutti, peccato per le donne del Lazio obbligate alla sofferenza.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...