domenica 24 ottobre 2010

FRATTINI PREFERISCE AHMADINEJAD A ME

Stiamo parlando del capo della nostra diplomazia ovvero il Ministro degli Affari Esteri. Mica pizza e fichi.
Dopo che Ahmadinejad ha scritto al papa, invitandolo ad una vera e propria Jihad (Guerra santa) contro l'ateismo, ora lui fa lo stesso e dice in un articolo sull' Osservatore Romano:
“I cristiani dovranno essere consapevoli anche di ricercare con i musulmani un’intesa su come contrastare quegli aspetti che, al pari dell’estremismo, minacciano la società. Mi riferisco all’ateismo, al materialismo e al relativismo. Cristiani, musulmani ed ebrei possono lavorare per raggiungere questo comune obiettivo. Credo che occorra un nuovo umanesimo per contrastare questi fenomeni perversi, perché soltanto la centralità della persona umana è un antidoto che previene il fanatismo e l’intolleranza”.
Quindi, secondo lui, è meglio allearsi con dei pazzi furiosi credenti in entità soprannaturali piuttosto che difendere i diritti di suoi compatrioti che non hanno questa necessità. Frattini, ergo, preferisce Ahmadinejad a me (ed io lo mando a fare in culo). Bravo il Ministro, peraltro non nuovo a questi gesti.
Chissà quali sono gli interessi che difende, visto che i miei non sono. E dire che in gioventù è stato anche presidente dei Giovani Socialisti. Si vede che il tempo gli ha fatto conoscere altra gente, magari vicina agli ambienti che contano.
In attesa di andarmene in giro col triangolo giallo sulla giacca, comunico che l'UAAR ha inviato al presidente della Repubblica un messaggio con il quale chiede che il ministro ritiri le sue dichiarazioni, oppure si dimetta.
Se credi, fallo anche tu.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...