martedì 16 settembre 2008

SIAMO TUTTI ABDUL

I tristi fatti di razzismo di questi giorni mi hanno fatto pensare molto a che tipo di popolo ci stiamo trasformando, non ho ricordi in gioventù di fatti di tale efferatezza ma mi sembra che stiamo veramente perdendo ogni controllo e non parlo solo di coloro che si rendono protagonisti di fatti del genere ma soprattutto di coloro che ormai non si indignano più di niente diventando complici di tali cose; con Abdul è morta anche una parte della nostra democrazia e solo pochi se ne stanno rendendo conto. 
Per tutti quelli che pensano che si tratti solo di casi isolati ecco la mappa delle aggressioni xenofobe e razziste in Italia. 

Voglio che ascoltiate questa canzone nella versione dei Radiodervish, non solo perchè è bellissima ma soprattutto per il messaggio che manda...buon ascolto.



Tu si 'na cosa grande(1964)

di Modugno - Gigli

Tu si' 'na cosa grande pe' mme 
'na cosa ca me fa nnammura' 
'na cosa ca si tu guard''a mme 
je me ne moro accussi' 
guardanno a tte 
vurria sape' 'na cosa da te 
pecche' quanno i' te guardo accussi' 
si pure tu te siente 'e muri' 
nun m''o ddice 
e nun m''o faje capi', ma pecche'. 
e dillo 'na vota sola 
si pure tu staje tremmanno 
dillo ca me vuoi bene 
comm'io, comm'io, 
comm'io voglio bene a tte... 
tu si' 'na cosa grande pe' mme 
'na cosa ca tu stessa nun saje 
'na cosa ca nun aggio avuto maje 
nu bene accussi', accussi' grande... 
(Instrumental) 
si pure tu te siente 'e muri' 
nun m''o ddice 
e nun m''o faje capi', ma pecche'. 
e dillo 'na vota sola 
si pure tu staje tremmanno 
dillo ca me vuoi bene 
comm'io, comm'io, 
comm'io voglio bene a tte... 
tu si' 'na cosa grande pe' mme 
'na cosa ca tu stessa nun saje 
'na cosa ca nun aggio avuto maje 
nu bene accussi', accussi' grande 
accussi' grande, 
accussi' grande

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...