martedì 1 marzo 2011

ITALIA NON MOLLARE

Berlusconi sta facendo di tutto per non perdere il potere, attaccato alla poltrona come un paziente intubato lo è ad un respiratore, consapevole del fatto che se viene staccato muore.
Coi consensi in caduta libera ecco la nuova proposta, conduttori dei talk show a settimane alterne. Proposta talmente ridicola che non vale nemmeno la pena commentare. Quello che mi preme far notare, invece, è osservare come i miseri collaboratori del Premier si spendano allo spasimo per vincere il premio di "collaboratore del mese", sapete quella gratificazione che aziende tipo Mc Donald elargiscono ai migliori (secondo i loro canoni) dipendenti. Insomma una sorta di "vediamo chi è il maggiordomo più bravo". 
Alessio Butti, relatore di maggioranza della Commissione di Vigilanza Rai, forse memore dei suoi trascorsi giovanili di stampo fascista, se ne è uscito con la proposta in questione definita da Santoro "caricatura da MinCulPop". Butti come Pavolini, quindi? Come dargli torto.
A questo punto viene da pensare che l'Italia avrebbe bisogno di un quotidiano clandestino tipo "Non Mollare", una sorta di bollettino su come disobbedire alle imposizioni del governo e risvegliare le coscienze buone di questo Paese. Quanto dovremo aspettare?
Italia non mollare.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...