lunedì 4 luglio 2011

MASSIMO MORATTI SEMBRA BERLUSCONI

Prima dichiara la propria soddisfazione sulla mancata revoca dello scudetto 2006, dimenticando però di dire che il fatto è caduto in prescrizione, poi una volta rese note le motivazioni di quella scellerata sentenza, comincia ad attaccare sguiatamente i giudici del Consiglio Federale della FIGC che il prossimo 18 Luglio saranno chiamati a decidere su quello stesso scudetto, manca solo che li definisca "comunisti" e siamo a posto. Insomma una scenata mediatica degna del peggior Berlusconi.
E' giusto ricordare che quello scudetto venne deciso a tavolino dall'allora commissario straordinario della FIGC Guido Rossi, ex Presidente di Telecom Italia (società del vice-Presidente interista Tronchetti Provera) e che, prima della sentenza della CAF, l'Inter si classificò al terzo posto con ben 15 punti di differenza.


Se dovessimo applicare oggi il pricipio di allora, una volta dimostrata anche la colpevolezza della società di Moratti dovremmo assegnare alla Roma (5° classificata) quello scudetto per poi magari, fra qualche anno, toglierlo pure a lei per darlo al Chievo e così via. Tanto scellerata fu quella sentenza quanto quelle seguenti.
Fra tutto questo bailamme di carte bollate e sentenze varie, una cosa è certa. Il sig. Massimo Moratti,  avrebbe fatto meglio a non accettare quel titolo, si sarebbe trovato con uno scudetto in meno ma con molta dignità in più, ed invece siam qui a discutere se sia più filibustiere lui o il suo collega di via Turati al numero 3. Ed a sto punto è proprio una bella lotta.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...